Piazza Juve

sabato 1 giugno 2013

Se Marchisio parte ne arrivano tre: Ogbonna, Ranocchia e Poli

Il Monaco non la smette più di comprare, la squadra neo-promossa in Ligue 1 allenata da Claudio Ranieri dopo aver preso Falcao adesso punta a portarsi in Francia anche Claudio Marchisio.
Partendo dal presupposto che nessuno dovrebbe essere incedibile, bisognerebbe capire a quale cifra si passa dal rifiuto all'accettazione di un'offerta, e per quanto mi riguarda Marchisio non può essere svenduto per meno di 30 milioni, in un mercato dove Witsel e Javi Martinez ne valgono oltre 40, per Marchisio l'offerta di cui si parla (25 milioni) è oscenamente bassa. Ma in presenza di almeno cinque milioni di euro in più andrebbe valutato il da farsi, perché si potrebbero seriamente re-investire queste risorse per ringiovanire e migliorare la squadra. Non dovremmo comportarci come gli interisti ai tempi del post-triplete, che per "l'amore" verso i loro giocatori si sprecarono in appelli per la non-cessione dei titolari di quella stagione, titolari che avevano oltre 30 anni e che erano arrivati all'ultima occasione utile di cessione fruttuosa.

Una cessione per 30 milioni di Claudio Marchisio potrebbe essere agevolata da un ritorno al 433 (o 4231), in questo caso uno tra Asamoah e Pogba sarà il titolare al suo posto, mentre probabilmente uno tra Padoin o Marrone resterà in bianconero a far da riserva.

Ma messo in conto che i soldi per la prima punta dovrebbero già esserci, e che dalle cessioni di Quagliarella, Matri e uno tra Giovinco e Vucinic, dovrebbero arrivare almeno (almeno) 30 milioni utili per un secondo acquisto, la cessione di Marchisio a che pro?

Ci sono tre giocatori, italiani e giovani, che potrebbero far pesare meno la partenza di Marchisio.
Il ventisettenne potrebbe essere sacrificato per arrivare a Ogbonna, Ranocchia e magari a Poli. I primi due sono giocatori che piacciono molto a Conte (e se ne parla da due anni almeno), potrebbero permettere alla difesa di fare il definitivo salto di qualità, oltre che a rappresentare un investimento duraturo per il futuro, vista la loro età. Il terzo piace tanto a Marotta, ma difficile che a Conte dispiaccia, è giovane, ha qualità, e se messo in condizioni sa essere un ottimo centrocampista.

La permanenza di Marchisio non dovrebbe quindi essere presa come un dogma, ma una sua cessione a cifre più basse di quelle che la concorrenza paga per giocatori peggiori o simili non è accettabile. Se una cessione deve arrivare per far partire il nostro mercato, che sia una cessione intelligente.


Nessun commento:

Posta un commento