Piazza Juve

sabato 16 marzo 2013

Come si vince con i tedeschi. Guida al quarto di finale Juventus vs Bayern Monaco

Come si battono i teutonici di Baviera? Come far male al Bayern Monaco e arrivare così in semifinale?
Sicuramente è la domanda che si starà facendo Conte da quando i sorteggi ci hanno messo contro la prima squadra di Germania. Come scrivevo ieri la partita è una replica di Italia Germania che puntualmente ha visto la nostra nazionale vincere, ma la Juventus contro i club tedeschi ha un brutto rapporto, non si parla del 4-1 avuto dagli stessi del Bayern Monaco nel 2009, ma del Borussia Dortmund ad esempio, partita che ci costò una delle tante finali perse di Champions League.

Il riscatto quindi passa anche dalla vittoria contro la controparte tedesca della Juventus, perché come poche altre squadre europee Juve e Bayern Monaco sono simili, entrambe sono le squadre che più di tutte le altre si sono imposte nei rispettivi campionati, che hanno tracciato la strada da seguire per i club concorrenti in patria e che in Europa le accomuna il record negativo di finali perse.

In particolare oggi la squadra tedesca gioca un calcio molto solido, la loro difesa non è imbattibile, come dimostrano i tre goal subiti tra andata e ritorno dai non eccezionali giocatori dell'Arsenal, ma è sicuramente fra le migliori d'Europa, e molto probabilmente sarà la difesa "peggiore" che i nostri attaccanti hanno incontrato da quando sono in bianconero, se non addirittura la peggiore che ci poteva capitare.

Proprio come la squadra bianconera anche quella bavarese non poggia il suo gioco su fenomeni o top player, ma su un gruppo compatto e gestito in modo ottimale, che fin'ora sta facendo paura un po' a tutti. In Europa sono sicuramente fra le tre squadre più forti, insieme a Barcellona e Real Madrid, e anche questo fa capire quando poco contino i singoli quando si gioca uno sport di squadra. Ovviamente non si sta dicendo che siano una squadra di scarponi, ad avercene di giocatori come Schweinsteiger, Kroos o Ribery, anche l'ormai panchinaro Robben o l'attaccante sul mercato Gomez sarebbero titolari nella stragrande maggioranza delle squadre europee, ma non ci troveremmo di fronte un Ronaldo o un Messi.

La Juventus dal canto suo risponde schierando una delle difese più imperforabili d'Europa e il reparto centrale più decisivo nei risultati e nel gioco dopo quello catalano. Pirlo, Marchisio e Vidal, con Pogba a turno al posto di uno dei tre, e Lichtstainer sono sicuramente fra i top player del loro ruolo, purtroppo a sinistra non abbiamo un giocatore capace di essere altrettanto forte, ma in una partita dove l'attenzione difensiva dovrà essere massima un giocatore come Asamoah potrebbe dimostrarsi ottimo. Il problema rimane l'attacco, segnare sarà difficile, e a parere personale Conte dovrebbe dimenticarsi di avere Giovinco in squadra e schierare i due più in forma tra Quagliarella, Matri e Vucinic, forse più i primi due che il montenegrino, che in Europa hanno fin'ora superato in prestazioni i compagni di reparto.

Il Bayern può essere battuto con l'ordine tattico fra i vari reparti, con la concentrazione e la tenuta.
Sicuramente loro prima o poi ci metteranno in seria difficoltà, la chiave per la vittoria sarà non perdere la calma e giocare come abbiamo fin'ora dimostrato di sapere. Puntando più sul possesso palla, chiave principale per bloccare le azioni difensive degli avversari, ed evitando lanci lunghi che i nostri attaccanti non sono, per caratteristiche, in grado di gestire.


Nessun commento:

Posta un commento