Piazza Juve

mercoledì 5 dicembre 2012

Shaktar 0-1 Juventus: Primi nel girone | Date un top in attacco a Conte e si arriva in finale

In Europa il cambio c'è stato e si è visto. Dopo i tre pareggi di fila che facevano tremare le gambe ai tifosi bianconeri subito dopo tre vittorie consecutive, contro il Nordsjaelland prima, il roboante tre a zero in casa contro il Chelsea campione d'Europa, e poi alla fine la vittoria contro lo Schaktar Donetz, in casa loro, dove solo il Barcellona negli ultimi anni era riuscito nell'impresa della vittoria.

Una vittoria più che meritata, dove addirittura la squadra bianconera può rivendicare un rigore non dato e un fuorigioco fischiato che non c'era, una vittoria in grande stile per la squadra juventina che dalla prossima partita ospiterà nuovamente in panchina il vero timoniere del gruppo, Antonio Conte.
E proprio con Conte in panchina la squadra bianconera fra qualche mese tornerà a giocare in Europa da prima qualificata nel proprio girone, adesso dovrà vedersela con una delle seconde piazzate, il Porto, l'Arsenal, il Real Madrid, il Valencia, il Celtic o il Galatasaray. Ovviamente alla fortuna si chiede ora un favore, evitando l'uscita del Real Madrid già al prossimo turno europeo. Sarebbe decisamente positivo uno scontro contro Arsenal, Galatasaray o Valencia, squadre più che alla nostra portata.

Parlando della sfida vinta contro gli ucraini, la squadra bianconera ha offerto una prestazione simile ma migliore rispetto quella dell'andata. A subire gli avversari per circa 10-15 minuti ad inizio di ogni tempo, e a ritornare ad imporre il proprio gioco subito dopo, con l'unica eccezione dei circa 10 minuti finali del secondo tempo, quando loro hanno provato a imporsi per cercare il goal del pareggio che gli avrebbe permesso di mantenere la prima posizione. Positiva oltre misura la prestazione di Vidal, più volte chiamato a guastare il gioco degli avversari, ottima anche la prova di Chiellini, nonostante il rischio infortunio a fine primo tempo, e più che sufficienti Giovinco (autore della rete goal), Asamoah, Pirlo e Lichtstainer. Discorso a parte per Pogba e Vucinic, il francesino infatti merita decisamente il sei, nonostante qualche imperfezione, nonostante i commentatori mediaset si sentissero quasi obbligati a sminuirne la prestazione. Sul montenegrino il discorso cambia del tutto, ottimo nell'impostare, nel distribuire palloni, nel fare avanzare il gruppo e nel mettere panico tra gli avversari (che in difesa sembravano molto poco attenti), quasi da 8 la sua prestazione se consideriamo questi aspetti, poi però ricordandomi che stiamo parlando di un'attaccante mi viene da pensare che se non riesce a mettere una sola palla verso la porta, non in rete, ma in direzione porta, allora c'è un problema pesante. La sensazione ancora una volta è che se qual'ora Conte trovasse giunto il momento di cambiare modulo, Vucinic potrebbe diventare un trequartista ottimo, anzi, eccellente, ma senza pretese di avere un goleador in avanti.

Non va molto meglio Giovinco, che però costantemente azzarda il tiro.
Se infatti in fase pre-tiro rispetto a Vucinic (quando in giornata) sembra un'analfabeta del calcio, capace solo di correre e tentare improbabile dribbling, quando poi si trova di fronte la porta ricorda a tutti che comunque si parla di un attaccante, provando il tiro contro la porta. Non che i risultati dei suoi tiri siano incoraggianti, ma se ogni tanto riesce a mettere la palla in rete è anche perché ci prova. Se al posto di uno dei due ci fosse stato un certo Robin Van Persie... chissà cosa si direbbe ora.

PS: Fa ridere che Lucesco, allenatore dello Shaktar, non che ex allenatore dell'Inter, si permetta di andare a dire in intervista che la sconfitta è da addebitare ad un errore arbitrale (un rigore giustamente non dato a loro, che l'arbitro ha infatti considerato come simulazione e ammonito con il giallo), senza ricordare il rigore non dato alla Juve per fallo di mano di un loro giocatore in area, e il fuorigioco inesistente fischiato a Pogba in posizione da tiro. E' vero che interista non si diventa, si nasce.


1 commento:

  1. Rassegnati sul Top Player. A parte Drogba, che tra l'altro ha le coppa d'Africa, non ce ne sono. NON CE NE SONO.
    Crisi assoluta in zona gol. Giovinco e Vucinic la porta proprio non la vedono.
    DIrei che piu del centrocampo ci tiene su la difesa.. quando ci segnano per primi e poi si chiudono e' finita..

    RispondiElimina