Piazza Juve

domenica 11 novembre 2012

Pescara 1-6 Juventus: Una goleada che da fiducia

Forse è servita più per il morale che per la classifica, i sei goal al Pescara hanno aiutato una squadra un po' in deficit di morale a tornare a credere nei propri mezzi, dopo 49 partite consecutive di risultati utili infatti la sconfitta in casa con l'Inter e le critiche all'attacco, unita alla difficile situazione europea, avrebbero potuto abbattere una squadra che comunque ha i mezzi per vincere e per inanellare una nuova serie di risultati positivi in campionato e in champions league.

I problemi di questa stagione potrebbero essere facilmente ridotti ai minimi termini se la squadra ricominciasse a girare con la stessa grinta e forza della scorsa stagione, grinta persa forse anche a causa dell'assenza a bordo campo di un motivatore doc come Antonio Conte, oltre che per la stanchezza di certi singoli che fra campionato, champions e nazionali sentono la fatica di giocare più volte a settiaman. Le fortune potrebbero essere le riserve, come Pogba, Caceres, Marrone, Isla che hanno più che dimostrato di valere quasi quanto i titolari, o di Quagliarella, che nel bene o nel male, resta l'attaccante più prolifico di questa squadra, anche se una tripletta al Pescara nei fatti vale molto meno di quanto può apparire.

La squadra contro cui abbiamo giocato ieri è poco più che una squadra da mezza classifica di Serie B, è arrivata in A grazie a Insigne, Immobile, Verratti e al gioco dato al gruppo da Zeman, oggi non ha nessuno dei protagonisti dello storico approdo nella massima categoria, e i risultati sono più che evidenti, soprattutto in termini di tenuta difensiva.

Un giudizio serio su questa squadra però potrà arrivare a breve, contro Milan, Lazio e Chelsea, non sono ammessi passi falsi, pena l'uscita dall'Europa che conta e l'inizio dei problemi in campionato.


1 commento:

  1. Gian,
    credo che le azioni create, e finalizzate, la qualita delle marcature, siano un chiaro segnale che la squadra sia diventata piu cinica. 10 gol contro due squadre mediocri, son sempre indicativi di cinismo e concretezza.. cosa che e' quasi sempre mancata alla squadra di Conte. Credo che Quagliarella sia stato molto vicino alla cessione, anche fino alla settimana scorsa.. poi, a suon di gol, e il penoso stato di Matri, gli hanno giustamente attribuito la stima dei tifosi (sopratutto) e quella della societa'.. per cui, continuando cosi, a gennaio Matri parte, per Llioriente.. ?
    In campionato, non credo debba provare nulla.. lo vinceranno senza problemi.. anche perche adesso non hanno piu l'ossessione di non rischiare troppo per paura di perdere l'imbattibilita'..

    Conta solo il Chelsea, e lo Shaktar. 6 Punti si possono fare. Minimo 4.
    Il fatto di dover dare i soliti giocatori pe run'amichevole della nazionale, visti gli impegni, critici di champions, e' per me una vergogna, di cui prandelli deve attribuirsi le responsabilita. Che provasse i vari verratti, e altri nuovi giocatori.. tanto si sa.. le amichevoli con la champions che incombe non se le caga nessuno.. quindi perche rischiare i giocatori cosi..!!?
    STE

    RispondiElimina