Piazza Juve

domenica 7 ottobre 2012

Siena 1-2 Juventus: Marchisio da Principe a Re del centrocampo bianconero, oltre il goal l'ennesima ottima prestazione

Vittoria faticata, sul campo di Siena la Juventus vince dopo una partita passata a dominare e che il buon De Ceglie ha riportato sulla retta via per i senesi, concedendogli generosamente la possibilità (sfruttata) di pareggiare sul finale di primo tempo. La squadra scende in campo senza Bonucci, al suo posto Marrone, senza Asamoah, al suo posto De Ceglie, e con Giovinco al fianco di Vucinic.
Con tutto il volere bene che si può provare per Conte, l'insistenza su questo modulo e su certi giocatori, come Vucinic e Vidal, nettamente fuori forma, è per me segno di paura al cambiamento.

La squadra come abbiamo detto ha dominato il campo, ma Chiellini avrebbe meritato l'espulsione per doppio giallo al 30' del primo tempo, così come Vidal avrebbe meritato il posto in panchina già all'inizio del secondo tempo. Non parlo di Vucinic perché potrei diventare volgare, so solo che un giocatore che per 90 minuti si nasconde dietro Giovinco, che ha giocato discretamente nel complesso, facendo il meglio che poteva nella ripresa, non può fare il titolare di questa Juventus. Nessuno mette in dubbio le qualità del montenegrino, ma nessuno dovrebbe considerarlo un titolare inamovibile, visto che oggi anche un Matri avrebbe potuto fare di più di un attaccante assente del tutto dal campo.

Grazie al cielo assenti non erano ne Pirlo, autore di una buona prova con tanto di goal su punizione, e un enorme Marchisio, che da solo ha sorretto il centrocampo e fatto il goal che ha risollevato la situazione, tragica, di una squadra che dominava ma con difficoltà a segnare.

A Conte andrebbe chiesto se ha intenzione di 'rispolverare' il 433, se ha intenzione di far giocare Caceres come difensore, quando Chiellini è palesemente fuori condizione, se ha intenzione di buttare prima o poi nella mischia Bentder, o se dare una maglia a Quagliarella o Matri anche a discapito di Vucinic, quando meritano. Purtroppo Conte ha delle certezze, e fin'ora queste sofferte vittorie gli stanno dando ragione in Italia, in Europa i due pareggi non sono un ottimo segnale, ma fino a quando la situazione non precipiterà siamo sicuri che il 3-5-2 resterà inossidabile.

MVP della giornata, comunque: CLAUDIO MARCHISIO


2 commenti:

  1. hai perfettamente ragione. finalmente uno che ha il coraggio di evidenziare una verità assoluta. in questo momento vucinic è un freno a mano tirato per la juve e se non si ha il coraggio di metterlo in panca l'allenatore mostra qualche limite.... di sudditanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vucinic è dall'anno scorso che in tante, troppe, partite fa il 'freno a mano'. Prima o poi però Conte se ne accorgerà, sperando che non sia quando sarà troppo tardi

      Elimina