Piazza Juve

giovedì 13 settembre 2012

Doppio colpo nel mercato invernale. Non solo Llorente in vista

Sta finalmente finendo il tormento della nazionale, che ha "scippato" i giocatori al campionato per fare una quasi figuraccia con la Bulgaria e far sembrare Malta una squadra capace di difendersi anche troppo bene. Ringraziamo Prandelli per aver spremuto il possibile Marchisio, Bonucci, Barzagli e soprattutto Pirlo, tanto ora abbiamo solo tre partite in sette giorni, però la buona fortuna stavolta non ci ha consegnato nessuno rotto.

Visto che comunque notizie di calcio giocato non è che ce ne siano molti di questo periodo, si può tornare a parlare di mercato, con ben due giocatori sull'orlo della scadenza di contratto e che interessano tanto, molto, alla squadra bianconera. Il primo è il tormentone d'Agosto, Fernando Llorente, il giocatore è in scadenza nel Giugno 2013 e la società bianconera sarebbe vicinissima al giocatore (così come quasi confermato da Mourinho). Sarebbe un ottimo rinforzo per il reparto offensivo, che però si vedrebbe a questo punto in gravoso sovra numero, sicuramente Iaquinta e uno tra Quagliarella e Matri dovranno trovarsi un'altra casa. Probabilmente si proverà a pagare il cartellino di Llorente, che a Gennaio il Bilabo sarà quasi obbligato a cedere a prezzi "umani", con le cessioni dei giocatori in più.

Non è solo Llorente l'obbiettivo in saldo del mercato invernale, c'è anche un giocatore che Antonio Conte ha più volte richiamato, la scorsa stagione, come un rinforzo ideale per la sua squadra. L'Arsenal non lo considera più incedibile, Wenger non starebbe guardando con buon occhio il rifiuto del giocatore di firmare un nuovo contratto, e quindi con la scadenza nello stesso Giugno 2013 di Llorente che incombe Theo Walcott diventa un nuovo obbiettivo di mercato bianconero, in compagnia di Inter e forse Milan, che non sdegnerebbero affatto un acquisto di questa qualità a costo contenuto. Nonostante il giocatore non sia un goleador ma un esterno offensivo, Walcott sarebbe un ottimo acquisto per il 433 di "riserva". Se nel 3-5-2 infatti gli esterni destri sono già più che di ottimo livello, Isla e Lichtsteiner, nel 433 in attacco a destra restano Pepe e uno tra Isla e Giovinco come alternativa, ma l'arrivo di Walcott permetterebbe di rivalutare anche questo modulo, aumentando nettamente la pericolosità offensiva di questa squadra con ogni schema.

Ma la condizione minima per arrivare ad uno, o nella migliore delle ipotesi ad entrambi i giocatori, è quella di qualificarsi per la fase ad eliminazione diretta della Champion's League. Che non solo aiuterebbe economicamente la società con un ritorno finanziario utile alle spese del mercato d'inverno, ma sarebbe anche un ottimo modo per convincere i giocatori della bontà, anche europea, del nuovo corso Juventus.


Nessun commento:

Posta un commento