Piazza Juve

sabato 2 giugno 2012

Travaglio ancora contro la Juventus. Ma il suo articolo è un errore dietro l'altro

Il clima del 2006 è tornato alla grande, bastava vincere ancora per ritornare ad essere i demoni cattivi che sporcano il calcio. E con buona pace di chi è stato prescritto e di chi si è salvato grazie a responsabilità soggettive e non oggettive, i cattivi siamo solo noi.

Il clima è tale che per sembrare intelligenti e onesti bisogna parlare contro a prescindere, a prescindere dai fatti. E il giornalista Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano da straordinaria prova di come ci siano fatti importanti,e  fatti su cui si può sorvolare perché non simpatici per le proprie finalità. Da un decennio è diventato uno dei giornalisti più famosi d'Italia, si dichiara di destra ma parla solo contro la destra, si dichiara juventino ma non si ricorda di lui mai nessuna affermazione pro-Juve. Neanche quando bisognava.

Così comincia il suo articolo (Mistero Buffon) parlando contro Andrea Agnelli e la voglia di rivalsa bianconera, che avrebbe spinto ingiustamente a parlare di 30esimo scudetto e non di 28esimo, in quanto 2 sono stati revocati perché truccati. Ma truccati in base a cosa?
Il 6 Febbraio 2012 il Tribunale di Napoli ha negato l'esistenza di prove che affermassero che il campionato 2004-2005 (e di conseguenza il successivo) sia stato truccato. Eppure al signor Travaglio bastava farsi una ricerca in rete, o leggere le sentenze prima di parlare a vanvera. (leggete: Sentenza Calciopoli: Campionato Regolare)

In seguito l'affondo si sposta su Conte, criticando ampiamente la voglia del rampollo di casa Agnelli di mantenere il tecnico anche per la prossima stagione, ritenendo la cosa come impossibile in caso di condanna. In caso di condanna? Ma la Procura di Cremona è soggetta alla Giustizia Sportiva o a quella Ordinaria, perché nel secondo caso appare assai improbabile una condanna in tempi immediati, e soprattutto, visto che l'accusa si basa sulle parole di un pentito che più volte si è smentito da solo, sarebbe carino anche spendere qualche parola per l'allenatore bianconero, che sembra condannato senza subire nessun processo.
Poi dice che Conte è un idiota, pretendeva di essere avvisato prima della perquisizione. No, ovviamente, ma magari informare il perquisito quando si è in casa sua sarebbe gradito, invece che sperare che ci pensi la televisione. E soprattutto sarebbe anche lecito chiedersi del perché la procura quasi non ha bisogno di avere un faccia a faccia con Conte, uno dei pochissimi che non è mai stato interrogato.

Su Buffon poi prosegue, parlando di scommesse da parte del capitano azzurro. Ma quali scommesse? Fino a quando qualcuno non si pronuncia sulla natura dei versamenti di Buffon verso il titolare della ricevitoria, parlare chiaramente di scommesse mi sembra quanto meno dubbio, visto che per scommettere cifre importanti sono necessari documenti di riconoscimenti, e sono avviate le procedure tracciabilità dei flussi che rendono quanto meno difficile ipotizzare un prestanome. Ah, ma questo è il modesto parere di Guardi di Finanza e Monopoli di Stato, che aggiunge come da quella ricevitoria non siano emersi flussi particolari, o degni di nota, negli ultimi 10 mesi. Inutile poi citare l'avvocato, che parla di compravendita tra privati di proprietà immobiliari e di rolex, oltre indiscrezioni varie che parlano anche di passaggio di pacchetti azionari. No, l'importante è dire solo ciò che serve alla propria causa.

Ma perché sto a discutere di Travaglio? Un giornalista così onesto che parla contro Moggi e contro le prescrizioni vergognose di Berlusconi, ma non dice mai una parola per quelle della società nerazzurra, che avrebbe rischiato un coinvolgimento in calciopoli, con tanti saluti allo scudetto di cartone. Così onesto da decidere quali sono i fatti meritevoli di essere citati, ed ignorare quelli (a firma di Procura di Napoli, Guardia di Finanza, Monopoli di Stato) che vanno contro le sue opinioni. Un giornalista che ormai sembra più preso dal suo personaggio televisivo di "spietato contro tutti" che dalla sua professione di giornalista.


7 commenti:

  1. Per voi rubentini la giustizia è un optional sia ordinaria e sia sportiva, forse siete voi che vi dovete rileggere le sentenze, tra cui ultima quella della cassazione sui scudetti,coppe e coppette rubati nel caso doping andato in prescrizione sottolineato molto chiaramente, calciopoli Moggi condannato dal tribunale a 5 anni e sei mesi diffamazione condannato, violenza privata e minaccie condannato ecc.rcc.ecc. Ma forse la mafia ndranghta e sacra corona unita hanno traslocato dal sud a Torino nascondendosi dietro una bandiera bianconera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrei rispondere ad una massa informe di offese come questa? Ti va bene se sei uno sfigato 13enne semi-analfabeta, altrimenti sei una persona veramente messa male. Curati!

      Elimina
    2. Ah, sinceramente. Io sarò il meno indicato a fare prediche su sintassi e grammatica, ma tu fai rabbrividire. Mi raccomando, alla tua età prima del calcio è importante l'istruzione, studia eh!

      Elimina
    3. X ANONIMO COSA DICE ANCHE IL PROCESSO DI NAPOLI?CHE IL CAMPIONATO 2005 E 2OO6 CAMPIONATI REGOLARI NN CI SONO PROVE CHE SIA STATO TAROCCATO CERTO CHE STAI MALE HAHAHHAHHAH MOGGI E STATO CONDANNATO NO LA JUVE. LA JUVE E STATA ASSOLTA!!!!

      Elimina
  2. Secondo me non vale la pena di commentare tutte le rosicanti esternazioni dei vari Anonimi Sfigati che scorreggiano in rete. Anzi, continuando a gettare palate di merda sulla Juve dimostrano solo tutta la loro rabbia e invidia... E più lo fanno, più io GODOOOOOOOOOOO!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. beh...poco da dire è come ascoltare un politico che giura di essere onesto

    RispondiElimina
  4. beh...poco da dire è come ascoltare un politico che giura di essere onesto

    RispondiElimina