Piazza Juve

giovedì 21 giugno 2012

Marotta ammette che non arriverà nessun top player, e ostacola l'Inter per Destro

Eppure non sembriamo gestiti da un improvvisato, almeno da quello che è successo ieri sera.
L'Inter con l'aiuto del fedele Preziosi voleva portare Destro in nerazzurro, valutazione congeniale ai piani della seconda squadra di Milano con possibilità di pagare in più e più anni grazie ad una compartecipazione del giocatore, magari sullo stile Boateng già adottato dai genoani per aiutare i milanisti. Unico intoppo? Destro era in prestito con riscatto, fissato a 1.5 milioni, al Siena. La società toscana sembrava per accettare di non riscattare il giocatore in cambio di circa 5-6 milioni e contropartite adeguate, ma Marotta dopo aver soffiato Isla ai nerazzurri, stroncato sul nascere ogni loro trattativa per Verratti e strappato Giovinco prima che entrasse in orbita interista, sembra interessato a far perdere un altro giocatore al club di Moratti.

Destro infatti è stato riscattato dal Siena, su regia juventina da quanto si legge.
Una mossa che non può che far gioire i tifosi, in un colpo solo entriamo in gioco per trattare un ottimo prospetto italiano e mettiamo i bastoni tra le ruote al club dei "diversamente onesti".

Il problema viene dopo però, perché se Marotta sta dimostrando di sapere spadroneggiare quando vuole, in Italia, e all'estero (vedi Vidal), ma sembra che anche questa sessione di mercato non includa la possibilità di portare un top in bianconero. Proprio oggi dichiara di non volere star, di non volere top players, ma dare alla Juventus giocatori funzionali al progetto.

Niente da dire, il ragionamento funziona. Ma in una squadra che funziona abbastanza bene, e con l'unico neo di una fase offensiva fin troppo debole per un gruppo capace di dominare sempre in campo, non sarebbe il caso di pensare che il giocatore funzionale al progetto in questo caso è il top player che i tifosi sognano?

Ben vengano i Destro, i Giovinco, i Verratti e i Pogba, i giovani da lanciare e le occasioni alla Vidal, ma se ogni tanto scappasse l'acquisto del big di turno, forse, questa squadra potrebbe evitare periodi di rodaggio infiniti e scommesse perdenti. L'arrivo di un campione come Pirlo ha cambiato questa squadra la stagione scorsa, un arrivo di un giocatore con qualità e potenzialità simili in attacco potrebbe portarci a livelli degni del blasone bianconero anche in Europa. Però Marotta smentisce che qualsiasi "big" sia in arrivo, che sia pretattica o sta onestamente ammettendo che i Van Persie, i Suarez e gli Higuain non hanno chance di vestire il bianconero.


Nessun commento:

Posta un commento