Piazza Juve

martedì 1 maggio 2012

Giovinco alla Juventus, di nuovo. E dopo di lui si lavora per un Mister X in bianconero

Ritornerà alla Juventus la prossima stagione la "formica atomica"? Molto probabilmente si, il suo buon rendimento, unito alla sostanziale economicità di una scelta in suo favore rispetto i concorrenti (Ramirez su tutti, valutato molto oltre i 15 milioni), portano Sebastiano Giovinco molto vicino al ritorno in bianconero. Che non si sbagli la lettura dell'affare, Giovinco tornerà, giocatore maturo e pronto a migliorare la qualità del reparto avanzato, ma non può essere lui il grande colpo in attacco. Ben altri sono i nomi dei giocatori cercati per il ruolo di punta centrale (con punta centrale differente da prima punta).

I numeri di questa stagione di Giovinco sono in tutto e per tutto simili a quelli di Mirko Vucinic, entrambi a quota 8 assist in campionato, con 8 reti per l'attaccante montenegrino contro le 13 (con 4 rigori battuti) dell'ex primavera bianconero. Numeri che fanno pensare ad un prossimo tridente bianconero con proprio i due giocatori appena citati a fare gli attaccanti esterni. La buona propensione all'assist di entrambi, e la buona mira in zona goal, unita a velocità e qualità dei piedi, renderebbero l'attacco bianconero sicuramente di un altro livello rispetto l'attuale, che con Pepe esterno si esalta con le grandi per poi trovarsi in difficoltà con squadre difensive e molto chiuse dietro. Un ritorno di Giovinco sarebbe quindi la soluzione immediata e più economica per migliorare il reparto offensivo, in vista dell'approdo del grande nome.



Prima si diceva, nelle parentesi finali del primo blocco scritto, che c'è una differenza tra punta centrale e prima punta, cosa che per i giornali a quanto pare non sempre sembra importante da far notare. Chiunque abbia seguito questa Juventus in questo campionato non può non aver notato come il giocatore chiamato a fare da attaccante "di peso" non sia esente da lavoro di qualità, e questo ha fatto per tutta la stagione il principale motivo di difficoltà della Juventus a concludere e di Conte di arrendersi a Matri titolare, sempre panchinato quando possibile. Serve un giocatore capace di vedere la porta ma anche di chiudere una triangolazione con i compagni, di segnare di testa ma anche di inventarsi una giocata sotto porta, di aiutare si in fase difensiva la squadra, ma anche capace di correre e riportarla velocemente in avanti se necessario. Non è un caso che i nomi seguiti per la scorsa stagione, per far felice Conte, erano quelli di Sanchez, Aguero e Giuseppe Rossi, ovvero tre seconde punte adattabili al ruolo di punta centrale. E l'amore del tecnico verso il montenegrino è dovuto alle stesse motivazioni. Ecco perché quando i giornali parlano di Cavani si potrebbe tranquillamente saltare la notizia, per le cifre, e la tipologia di giocatore, ci sarebbe quasi da metterci la mano sul fuoco che l'attaccante che verrà portato in bianconero la prossima stagione sia un giocatore molto differente da questo Cavani.


3 commenti:

  1. Che cavani costi tanto ci sta. Ma che non è l'uomo giusto per Conte non lo condivido affatto.
    Tanto sacrificio in pressing ed in fase difensiva. Sa giocare negli spazi stretti, sa chiudere le triangolazioni, sa far gol in tutti i modi, è una punta di grande movimento. La tipologia del giocatore che verrà portato a Torino sarà molto differente da Cavani?!
    Ma se è proprio quello che cercano.
    Mi sa che chi ha scritto l'articolo ha qualche difficoltà nell'inquadrare i calciatori.

    RispondiElimina
  2. e aggiungo che la juventus era a caccia di quei nomi perchè erano gli unici top player in procinto di cambiare squadra verso una big:
    Rossi è rimasto al Villareal per fare l'ultimo anno in Champions. Aguero è passato dall'Atletico al manchester City, e Sanchez dall'Udinese al Barca. Erano gli unici top player in vendita.
    E ribadisco che chi ha scritto l'articolo non ha mai visto giocare Cavani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si certo, ne capisci tu :D tanto esperto di Cavani quanto poco del gioco che fa la Juve, che si potrebbe paragonare molto a quello del Barcellona. Loro infatti dopo il flop Ibrahimovic hanno puntato su Villa e Sanchez, il primo è una prima punta di grande movimento, il secondo una seconda punta giovane e dinamica. E prima ancora avevano un certo Eto'o, tanto prima punta che con Mourinho si è adattato pure a fare il terzino.

      Da noi una prima punta di discreto valore c'è, si chiama Matri, e Cavani per quanto bravo è come Matri ma più forte sotto porta e con più tecnica. Infatti Cavani avrà numeri strepitosi, ma Matri (senza una squadra che gioca per lui, e senza neanche la titolarità piena del ruolo) ha fatto 10 goal quest'anno e 20 l'anno scorso. Non proprio una pippa.

      Per far quadrare il nostro gioco serve un Benzema o un Rooney, ma ovviamente questi non sono neanche avvicinabili al momento. E infatti quelli su cui lavorano in particolare (gli unici su cui ci sono conferme) sono Suarez e Van Persie, nessuno dei due è una prima punta alla Cavani. E' un caso?

      Elimina