Piazza Juve

sabato 14 aprile 2012

Allegri: i pianti isterici e le scuse deboli di chi ha la panchina che trema

Le probabilità di vittoria bianconera del titolo sono ormai il 50%, potremmo dire il 51% se consideriamo il punto di vantaggio e che comunque a pari punti la vittoria sarebbe nostra, e ad essersi accorto di questo ribaltamento delle probabilità è stato per primo Massimiliano Allegri, l'allenatore dei rossoneri ha infatti visto sfumare le sue quote scudetto dal 100% di vittoria di inizio stagione, quando era vista come la squadra migliore della Serie A, con ampio margine sulle rivali Inter e Napoli, con la Juventus segregata al ruolo di antagonista delle "medio-grandi" per un posto tra il terzo e il quinto posizionamento in classifica finale. Poi un avvio di stagione sottotono e l'evidenza di una reale insidia da parte dei bianconeri per il titolo.

Il sorpasso ricevuto dopo la sconfitta con la Fiorentina viene vista dall'allenatore come una tragedia, sa che se a fine anno dovesse portare a casa il bottino di zero titoli vinti, in un campionato italiano che rasenta uno dei livelli più bassi della sua storia, nonostante un Ibrahimovic in rosa e un atteggiamento arbitrale tutt'altro che antagonista nei confronti della sua squadra -10 rigori sono un bel bottino- l'esonero sarebbe molto probabile.

E allora eccolo trovare la scusa perfetta per pararsi di fronte una eventuale disfatta, la colpa è tutta del goal annullato a Muntari, certo, eccolo li il problema di questo Milan. Che passino in secondo piano ovviamente tutte le partite giocate alla meno peggio, non solo quelle finite in disfatta (ben 5) ma anche quelle (come contro il Chievo e Lecce) hanno evidenziato un'assenza di gioco imbarazzante in una squadra che sopravvive calcisticamente grazie a singolarità come Ibrahimovic, Boateng, Silva o Nocerino.

I suoi lamenti servono per nascondere un'evidenza che dovrebbe apparire chiara prima di tutto ai dirigenti rossoneri, Allegri al Milan ha fallito. Il dopo Ancelotti sarebbe stato duro per tutti, uno che vince due coppe europee in tre finali non lascia il lavoro facile a chi viene dopo, ma Allegri non ha neanche dalla sua la possibilità di usare la scusa della differenza delle rose, perché in un campionato scadente come l'attuale il poter vantare un certo svedese in rosa dovrebbe far cadere qualsiasi attenuante. Il tecnico toscano ha semplicemente fatto giocare male la squadra per due anni, al primo il suicidio sportivo interista gli è bastato per portarsi a casa lo scudetto, al secondo la comparsa di una squadra antagonista lo mette nel panico. Il Milan a fine anno potrà pure vincere lo scudetto, ma l'augurio che ogni tifoso rossonero, per primo, dovrebbe farsi è che Allegri sia mandato a viaggiare in altri lidi, almeno fino a quando non avrà ripreso il senno che ha lasciato a Cagliari, dove da giovane allenatore sembrava avere tutte le qualità per diventare qualcuno d'importante. Dispiace pure vedere Lippi costretto ad andare a caccia di consensi, dicendo di rivedersi nell'allenatore rossonero, forse caratterialmente e geograficamente ha ragione, ma i tifosi bianconeri non possono sentirsi dire che la loro squadra nel periodo d'oro di fine anni 90 e inizi 2000 avesse un gioco simile a quello di questo Milan stanco e sonnolente.


7 commenti:

  1. idiota di un juventino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahha, grazie. sono persone come lei che fanno sembrare più intelligenti quelli come me :)

      Elimina
    2. .. torna a fare soffocotti, altrimenti non arrivi a fine mese..!!

      Elimina
    3. ovviamente era indirizzato all'anonimo che insulta gli juventini, non a te

      Elimina
  2. CIAO GOBBI , VI AUGURO DI VINCERE LO SCUDETTO N. 30 , MA POI RIASSUMETE MOGGI SE VOLETE APRIRE UN CICLO........AH AH AH !!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il "sentito" augurio, ma se il campionato italiano è fatto di questi milan e di queste inter, con la Lazio addirittura terza in classifica, mi sa che per il ciclo ci basta una buona prima punta

      Elimina
  3. ...ah..ah...ah.. che bulicio che sei..!

    RispondiElimina