Piazza Juve

domenica 4 dicembre 2011

La Juve detta legge in campo (contro il Cesena) e in classifica. Goal di Marchisio e Vidal. Possesso Palla al 75%

La Juventus vince, anche con un vantaggio più esiguo di quanto si sarebbe meritata. Un doppio vantaggio a cura di Claudio Marchisio e Arturo Vidal (rigore) che ci regala l'ennesima vittoria di questa stagione e ancora una volta il primato solitario della classifica. Una Juventus ENORME che domina il campo uscendone con una percentuale di possesso palla che sfiora il 75%. Numeri da fare impressione, roba che se succede a Barcellona è tutto normale, ma in Italia, in una Serie A sempre più difensiva e con poca qualità fanno girare la testa ad avversari, tifosi e cronisti.

Il Cesena si conferma peggiore attacco della Serie A, con una sola vera occasione da goal al 65', ma anche come una delle migliori difese del campionato. Per 70 minuti oppongono un vero e proprio muro umano a gli attacchi bianconeri. La Juventus gioca costantemente in zona offensiva e gli attaccanti sparano in porta tutto quello che hanno sotto tiro, bombardando la porta di Antonioli quasi costantemente. La prima senza Pirlo dimostra come questa squadra non sia dipendente da nessuno, sia senza Marchisio (come contro il Napoli), che senza Pirlo, e svariati altri giocatori, ha i numeri per fare male ovunque e a chiunque.

Una partita in cui l'unico vero grande problema per Conte è la situazione di Alex Del Piero, il giocatore entrato nel secondo tempo insieme a Quagliarella, per il duo Matri-Vucinic, si fa subito notare. Grandissima la classe che il capitano mette in gioco, sono proprio queste le partite in cui può dare qualcosa. Ma purtroppo neanche 10 minuti dopo il suo ingresso un orribile entrata di Marco Rossi lo stende a terra, i tacchetti della scarpa del difensore del cesena direttamente sulla testa di Alex, che non riesce a riprendersi e si ritrova sanguinante costretto ad uscire dal campo in barella.Il Capitano però saprà riprendersi quanto prima per tornare di nuovo a fare male alle difese avversarie entro pochi giorni, ne siamo tutti sicuri.

La partita prosegue, entra Giaccherini per il Capitano,e si continua con un classico della Juve di quest'anno, possesso palla infinito e azioni da goal innumerevoli, ma la sfiga (unita alla bravura del Cesena) bloccano il risultato sullo zero a zero, almeno fino a quanto il solito Claudio Marchisio non riesce a stoppare la palla e servirsela nel modo migliore per calciare a rete. Il sesto goal per lui, che ad oggi è sicuramente il miglior giocatore italiano in circolazione, con dei numeri strepitosi per un centrocampista, e con l'aggettivo TOP PLAYER che gli sta stampato addosso come se fosse il suo secondo nome.

Subito dopo espulsione di Antonioli, il portiere del Cesena si butta a recuperare una palla su cui Giaccherini si fiondava in profondità, colpendo pallone e giocatore. Espulsione nettamente generosa, non c'è molto da nascondere, e che mette in crisi il Cesena che si ritrova senza cambi e con Ghezzal Rodriguez passare in porta, come portiere di fortuna. Insieme all'espulsione del portiere viene dato il rigore per la Juventus, che Vidal si incarica di battere e che consegna in rete. Seconda rete per il cileno, enorme il suo apporto alla squadra bianconera in questi mesi, un vero e proprio pilastro del centrocampo.

Un grande applauso anche a Pazienza, che prende il posto di Pirlo, e che ci mette tutta la grinta e la forza che può per non farlo rimpiangere. Ottima la sua prestazione.

In definitiva: Juventus 2-0 Cesena. Primi in classifica in solitario a 29 punti, contro i 27 di Milan e Udinese. E con i prescritti dell'inter a prendere freddo e gelo a -15 punti dalla vetta.

Migliore in Campo: ARTURO VIDAL
Peggiore in Campo: nessuno


Nessun commento:

Posta un commento