Piazza Juve

sabato 8 ottobre 2011

Serbia-Italia, e per l'ennesima volta Cassano e Montolivo fantasmi

Dopo un pareggio come quello di ieri finito 1-1 ma con la qualificazione già in tasca da prima, qualcuno potrebbe pure "festeggiare", ma entrando nel merito delle prestazioni singole vale fare qualche precisazione e qualche appunto. Innanzittutto la squadra gira bene per 30' circa, ma finisce gli ultimi 60 minuti di gioco in maniera confusa e con poca precisione di gioco. Eppure quando una nazionale si presenta con due giocatori come Pirlo e Montolivo dovrebbe esserci una certa organizzazione di gioco, ma se mettiamo che il giocatore della viola dimostra ancora una volta come non è un giocatore da salto di qualità, ma solo un buon mestierante, e che Prandelli si presenta con un modulo con quattro centrocampisti i cui esterni sono praticamente Marchisio e De Rossi (mi chiedo perché allora non abbia chiamato Pepe, Cerci, Mauri...), allora un po' riusciamo a capire tutto.

A funzionare è interamente il blocco juventino, in particolare Marchisio e Pirlo si dimostrano fondamentali anche in nazionale, il primo segnando il suo primo goal in azzuro, il secondo dimostrando di essere ancora lui il top player di questa squadra. Ottima prestazione pure di Barzagli e Chiellini, mentre per Buffon una buona sufficienza dovuta anche alle poche azioni pericolose a cui è stato in fin dei conti sottoposto. Poco meno del 6 invece Bonucci, giocatore da recuperare direbbe qualcuno, ma i segnali di miglioramento rispetto la scorsa stagione si vedono, aspettiamo ancora una stagione prima di tagliarlo.



Se per Montolivo abbiamo già detto, prestazione incolore la sua esclusi 10 minuti circa in cui riesce però a divorarsi una grande occasione da goal da solo di fronte il portiere, passando piuttosto che tirare la palla a nessuno in mezzo all'area di rigore, quello che resta il peggiore della squadra per quanto fatto ieri è Cassano. Giocatore ipervalutato verrebbe da dire, cosa ha dimostrato questo fino ad oggi per essere titolare in azzurro? Per quale motivo è così fondamentale per Prandelli da schierarlo pure insieme a Giuseppe Rossi, due giocatori che potrebbero dare il meglio al fianco di una prima punta piuttosto, e fra i due per quanto fatto fino ad oggi sappiamo che sarebbe il barese ad accomodarsi in panchina. E così nonostante prestazioni da 5 e da 6, e qualche sporadica prestazione positiva (con le Far Oer, deve fare testo?) il giocatore milanista gioca titolare nonostante i vari Pazzini e Matri, giocatori da 20 goal o quasi in stagione negli ultimi anni. Anzi, piccolo appunto per Prandelli, perché Osvaldo?

Il ct della nazionale può gentilmente ricordarsi che siamo la nazionale italiana e non quella degli oriundi opportunisti? Gente come Thiago Motta e Osvaldo che mai avrebbe giocato da noi se l'Argentina gli avesse convocati, cosa hanno più dei nostri giocatori? In particolare quest'ultimo più di Matri ha dimostrato cosa?

Per il resto prestazione incolore anche quella di De Rossi, più sostanza che forma per lui, mentre buona la prova di Giuseppe Rossi, nonostante abbia inciso poco rispetto le altre gare, e suo il passaggio che porta Marchisio al goal, e si ritrova spesso a lavorare in tutto il campo anche in zona difensiva.

Prestazione generale della nazionale da 6 di media, ma segnali poco incoraggianti ieri. Aprendo gli occhi il gioco degli azzurri è stato lento, monotono e poco concreto sotto porta, speriamo fosse solo voglia di riposarsi dopo la qualificazione già in mano.


Nessun commento:

Posta un commento