Piazza Juve

venerdì 2 settembre 2011

Ziegler verso la Turchia. Antonio Conte colpisce ancora

Del mercato in entrata di questa stagione Antonio Conte può essere considerato il principale artefice, sue tutte le scelte portate in squadra, tutte tranne tre, Pirlo, Ziegler e Pazienza. I tre parametri zero arrivati prima del suo approdo in bianconero, che ora rischiano di diventare due.

In tanti rimproverano a questa società la scelta di Conte, giovane si, capace pure, ma senza esperienza e senza la giusta elasticità per gestire un gruppo che vuole tornare a vincere. La sua idea di calcio ormai la conosciamo, 4.4.2 offensivo e con interpreti molto rapidi e con compiti abbastanza precisi. Questa idea a quanto pare prevede due terzini abbastanza difensivi e bloccati, avrebbe in passato nei suoi club pure "vietato" le sovra esposizioni sulla fascia, mentre alla Juventus ha già dovuto fare i conti con un Pirlo non preso per fare la panchina, e Lichsteiner che a destra non ha alternative, e che nella fase offensiva da un aiuto fondamentale alla squadra. Così licenza di "offesa" per Lichsteiner, spazio ad un centrocampista di regia a centrocampo, ma il terzino sinistro allora deve incollarsi in difesa per porre rimedio alla fase difensiva.



De Ceglie non lo si può considerare come il miglior terzino del mondo, ma sembra avere margini di miglioramento, mentre Ziegler ha già dimostrato una ottima fase offensiva, meno buona quella difensiva, che oggi gli costa la rottura con Conte e il trasferimento dello svizzero in Turchia la Fenerbache. Trasferimento in prestito oneroso da circa 2 milioni di euro.

Per colmare il vuoto a sinistra verrà richiamato Grosso in squadra. Notizia che si commenta da se.

Resto del mio personale giudizio, Conte è un estremista che ha incasinato la nostra squadra, oggi con un allenatore da idee molto più elastiche come Mazzari o Spalletti, avremmo una rosa che molto probabilmente sarebbe nettamente differente, fatti gli acquisti dei terzini e di Pirlo e Pazienza, molto probabilmente la lista della spesa si sarebbe soffermata su Vidal e l'acquisto da 40 milioni di euro che la dirigenza cercava, ovvero Aguero. Invece Conte ha preteso che gli venissero acquistati tutti i giocatori per completare il suo 4.2.4, cosa assurda secondo il sotto scritto, l'allenatore dovrebbe sapersi arrangiare con i propri piuttosto che viceversa.

Non resta che sperare che la ragione sia dalla parte di Conte.


Nessun commento:

Posta un commento