Piazza Juve

martedì 27 settembre 2011

Il Mercato Scudetto della Juventus. Marotta e Paratici al lavoro già da ora

Vincere lo scudetto ci hanno detto essere utopia per questa stagione, e francamente c'è da fidarsi, nonostante lo scadentissimo livello di Milan e Inter, e nonostante un Napoli al di fuori dell'indomabile, questo campionato non è ancora aperto ai sogni di gloria bianconeri. Per vincere lo scudetto non serve solo una rosa abbastanza completa, e noi in questo possiamo dirci ok, ma serve anche quel campione capace di fare la differenza. Di campioni accaparrabili in giro non c'è ne sono molti, ma noi ne abbiamo pescato uno che potrebbe fare veramente il bello e il cattivo tempo. Andrea Pirlo. Giocatore dalla classe eccelsa, ma che sappiamo essere ormai un po' troppo in la con l'età, meriterebbe riposto, e 38 partite di campionato non possono essere da lui giocate tutte. Così come la coppia di centrali non sembra convincere, e allora urgono rinforzi. E per Gennaio possiamo arrivarne a prendere due a davvero un niente.

Il primo a cui si potrebbe più che pensare è Riccardo Montolivo, nessuno qui lo definisce un campione, tantomeno il sottoscritto che lo ha sempre considerato al massimo una buona riserva, ma proprio per il ruolo di riserva di Pirlo sarebbe adattissimo. Il giocatore fiorentino potrebbe liberarsi infatti a parametro zero la scorsa stagione, afferarlo a Gennaio non è solo probabile, ma sicuro per chi vuole prenderlo a niente. Il Milan sta lavorando in corsa, ma come abbiamo già dimostrato con Ziegler, Pirlo e Pazienza, sui parametri zeri anche Marotta sa dire il suo. In particolare Pazienza potrebbe essere rigirato ai fiorentini, che avrebbero così una contropartita parziale per ammortizzare il "dolore" per la perdita dell'ex capitano, e favorire la trattativa con la Juventus rispetto la stessa con il Milan.



Per la difesa il ruolo delicato da coprire è quello di centrale, si tiene sotto d'occhio Rhdolfo, 25enne del San Paolo che sarebbe a detta di molti giornalisti un giocatore praticamente bianconero. Per lui si era già conclusa la trattativa ad Agosto, ma la squadra brasiliana ha rimandato l'operazione per evitare di non essere ben coperta nel ruolo nel loro campionato. Ad essere ceduto qui sarà Sorensen che andrà verso una squadra di Serie A di medio-bassa classifica per fare esperienza.

Risolti i problemi di rosa, riguardante l'alternativa a Pirlo e il centrale di livello da affiancare a Chiellini (anche se Barzagli è più che una ottima pedina, come sta dimostrando) servirà completare il mercato, l'estate successiva, con un solo grande nome per l'attacco.

Siamo quasi sicuri che quest'anno per Conte verrà chiuso un occhio nonostante i risultati, ovvero la prossima stagione ancora il Capitano dell'era Lippi sarà a mantenere il peso della panchina, sia per dare continuità ad un progetto non di immediata riuscita, sia per non stravolgere nuovamente la rosa. Pensionato Del Piero, con Amauri, Toni e molto probabilmente Iaquinta verso la via dell'addio, servirà uno o due giocatori per l'attacco, inutile dire che il primo che verrà "placcato" a uomo per essere portato a Torino è Giuseppe Rossi, per lui verrà fatto il maggiore sforzo possibile a livello economico. Il secondo sarà molto probabilmente Immobile, che al Pescara in Serie B ha già fatto 4 goal in 5 giornate.

Resta da valutare la situazione di Krasic, dovesse essere ceduto si punterà su Walcott, dell'Arsenal, in scadenza di contratto. Ma occhio anche a Giovinco e Pasquato, pronti a tornare in bianconero al posto di Estigarribia e Giaccherini.


Nessun commento:

Posta un commento