Piazza Juve

martedì 23 agosto 2011

Marotta e Agnelli, ultima chance. A fine campionato chiederemo il conto

Noi tifosi siamo quelli che seguono la squadra in casa, in trasferta, che si abbonano a Sky o Premium, che comprano i giornali sportivi e che navigano in rete alla ricerca di notizie, siamo quelli che fanno di queste società calcistiche vere macchine racimola denaro e consenso. Però non si può fare finta che tutto vada bene, una squadra non la si può sostenere quando sembra andare contro ogni logica e quando i dirigenti sembrano volerti prendere in giro.

Nel nostro caso non si può tifare la Juventus e sostenerla a più non posso,se nonostante questo, la dirigenza va al risparmio o punta ai bidoni e ai giocatori incapaci di portare in dote qualcosa di utile alla rosa. E dedichiamo questa affermazione a Beppe Marotta e Andrea Agnelli, il primo capace di spendere milioni e milioni per imbastire una squadra che francamente se arriva al terzo posto ha fatto quasi il massimo, e il secondo per puntare come guida del club un ex giocatore reduce da buoni campionati di Serie B e nessuna esperienza concreta con squadre di Serie A.

In due anni abbiamo portato a Torino, Bonucci, Barzagli, Storari, Motta, Sorensen, Krasic, Martinez, Pepe, Quagliarella, Matri, Vucinic, Pirlo, Ziegler, Lichsteiner, Pazienza, Vidal. Nessuno di questi acquisti andrebbe criticato aspramamente, ognuno ha rappresentato una scelta logica della società, ma in questa logica c'è la concretezza di una rosa totalmente incapace di viaggiare su alti livelli. Perché di questi qui non c'è giocatore che potremmo definire capace di fare la differenza, nelle migliori delle ipotesi possiamo ambire al terzo posto, al secondo se l'Inter di Gasperini delude come molti si aspettano, ma il Napoli è un concorrente agguerrito e il Milan sembra irragiungibile.



La cosa triste seriamente di questa serie infinita di acquista, che potrebbe a breve allungarsi con Giaccherini, Alex e Elia, è che coloro che potrebbero rappresentare un investimento per il futuro sono veramente pochi, forse Bonucci se si riprende, Sorensen se si dimostra all'altezza, Matri per ancora qualche anno, Ziegler ma non c'è molto da scommetterci, e il solo Vidal come promessa di buone speranze, magari Elia se arriva. Un po' troppo poco, un po' troppo poco tanto.

Adesso, senza essere ripetitivi o voler fare calciomercato, se la scorsa stagione si fosse scelto di dare a Giovinco e Palladino, due giocatori bianconeri, la casacca al posto di Pepe e Martinez, il risparmio di "soli" 22 milioni in cartellino sarebbe stato poco? Anche in vista del rendimento non da top dei due.

Se invece di spendere per Vucinic e Quagliarella, per un totale superiore ai 30 milioni di euro, avessimo preso gli stessi "soldini" per portare a Torino Suarez, ora al Liverpool, per gli stessi 26.5 milioni spesi dagli inglesi, qualcuno avrebbe dubbi sull'affarre?

Se magari invece di portare Pazienza a Torino, anche gratis, si fosse preferito spendere 6-7 milioni per confermare Aquilani come vice Pirlo, garantendo una alternativa in termini di qualità, qualcuno avrebbe "pianto" ?

Ho fatto un esempio di 4.4.2 "offensivo" con i giocatori che ho scritto poco fa:

(Iaquinta) Suarez - Matri (Del Piero)
(Pasquato) Giovinco - (Marchisio) Vidal - Pirlo (Aquilani) - (Palladino) Krasic
(De Ceglie) Ziegler - (Barzagli) Chiellini - (Bonucci) Alex - (Motta) Lichsteiner
(Storari) Buffon

Pensate che questa squadra abbia qualcosa da invidiare a quella con Giaccherini e Vucinic titolare?
E davvero così necessario, signor Marotta, spendere per mille giocatori a stagione?

Sappiate che il contratto di Marotta scade nel 2012, per cui se questa stagione non dovesse andare per il verso giusto, nessun dubbio sul da farsi, lasceremo Marotta libero a "parametro zero"


Nessun commento:

Posta un commento