Piazza Juve

venerdì 26 agosto 2011

L'Italia si ferma per lo sciopero, della CGIL? No, dei calciatori

Mentre scrivo questo articolo i mercati finanziari di tutto il mondo stanno chiudendo nuovamente in negativo, la Francia dice di aver trovato la residenza di Ghedaffi e i ribelli ne chiedono la testa, contemporaneamente il governo discute della sua manovra lacrime e sangue per i cittadini, l'ISTAT ci informa, senza sorpresa, del tasso record di disoccupazione giovanile, che nelle regioni del sud raggiunge anche il 40%, e la CGIL, sostenuta da Partito Democratico e Italia dei Valori, convoca uno sciopero generale contro le misure "recessive e sbagliate" del governo.

Ma l'attenzione dei media sembra rivolgersi verso un altro sciopero, quello dell'AIC, Associazione Italiana Calciatori. La sigla sindacale dei giocatori di calcio professionisti avrebbe infatti fatto saltare mesi di trattative all'ultimo istante, nello sconcerto generale dei club. Il motivo dello sciopero? Un articolo sugli allenamenti differenziati e soprattuto il contributo straordinario anti crisi.



Il governo ha intenzione di promuovere un (discutibile ma necessario) contributo di solidarietà per chi ha un reddito superiore ai 90 mila euro, che dovrebbe ammontare al 5 o al 10% dello stipendio per un periodo di 3 anni. Questa misura anti-crisi che serve a recuperare denaro da usare per ridurre il debito italiano ed evitare la crisi e il fallimento della nostra nazione ha portato diverse proteste, come detto anche quella del sindacato più importante d'Italia, la CGIL, ma la categoria che più di tutte ha sentito il bisogno di manifestare il proprio dissenso alla norma sono i calciatori. Infatti vorrebbero che la loro quota venisse pagata dalle società, e che quindi il contributo di solidarietà non fosse cosa che gli riguarda.

Ovviamente loro non si sentono Italiani se non si credono in dovere di pagare questa somma, così come non si rendono conto dei privilegi scandalosi che hanno, privilegi che fanno impallidire pure i politici ormai.

Un giocatore medio della Serie A guadagna ormai un reddito superiore ai 500 mila euro netti a stagione, se si trova in un club di bassa classifica. Mentre nei grandi, o già a partire dalle medie, ben sopra il milione. Così scopriamo che Totti e Buffon viaggiano sui 5-6 milioni, che Ibrahimovic ne prende circa 10, che i Pazzini e Ranocchia stanno sui 3 milioni, addirittura Amauri sta sui 4 milioni annui, tutte cifre nette tra l'altro, e a cui bisogna aggiungere i soldi degli sponsor (perché quando pubblicizzano Premium, la Vodafone o chi per loro, vengono pagati profumatamente ulteriori milioni annui). Sarebbe necessario far notare a questi qui che oggi un giovane diplomato italiano impiega circa 5 anni per trovare un lavoro non-precario e con uno stipendio attorno ai 1000€, e che un laureato ne impiega 3 e per cifre non troppo distanti. Che se una persona "normale" vuole guadagnare come loro deve lavorare una vita e con molta fortuna riuscire a scalare le vette del successo, da imprenditori o da manager, e comunque da gente che ha responsabilità ben più ampie di uno sportivo.

Gli stessi, criticabilissimi, Montezemolo e Marchionne guadagnano circa 7 milioni annui, una cifra importante, ma che corrisponde ad una vita passata a studiare, fare carriera e in linea con le mille responsabilità che sono tenuti a dare nei confronti degli azionisti, dei lavoratori, clienti, fornitori, ecc...

Un Ibrahimovic invece che sgambetta per 90' a settimana, per circa una 40 di giornate l'anno, per quale motivo dovrebbe guadagnare più dei manager della più grande industria italiana?

Mi piacerebbe sapere quante persone non provano disgusto in questo momento per questi privileggiati, che se proprio non accettano queste condizioni possono tranquillamente decidere di mollare il calcio e di andare a lavorare veramente, per poi magari fare un vero sciopero.


16 commenti:

  1. impara l'italiano e non dire cagate

    RispondiElimina
  2. non capisco che stai dicendo? Ho commesso gravi errori di grammatica o di sintassi? Se si dimmi dove, altrimenti zitto, poi le "cagate" che sarebbero? Inutile commento per inutile commentatore

    RispondiElimina
  3. guarda, a parlare di liberismo e di universalità dei diritti con un coglione come te non mi ci spreco neppure. ti dico solo, da modesto conoscitore della lingua italiana, che pivileGiati si scrive con una sola g. in ogni caso ti faccio i complimenti per il blog, quando avrò voglia di leggere due minchiate populiste, che posso tranquillamente sentire in qualsiasi bar o spogliatoio di una qualche palestra di periferia, senza ricavare alcuna informazione utile, ci tornerò. se fossi in te impieghererei il mio tempo altrimenti, facendo magari qualcosa di utile per la società, come raccogliere le cartacce in strada, anzichè parlare di argomenti a me ignoti. ciao!

    RispondiElimina
  4. Oh ma abbiamo un cultore di liberismo, che non ho ancora capito per quale motivo sta rosicando a leggere quello che ho scritto. Per la G in più? So solo che quello che ho scritto ha senso, oggi, siamo in un momento di crisi globale, sugli USA si sta ricominciando a parlare di recessione, la Germania si scopre a crescita zero, e così tutta l'Europa, Italia e Spagna sono vittime di "liberali" metodi di speculazione, e il governo alla meno peggio sta cercando di arginare il pericolo di default, o comunque cercando di diminuire lo spread e l'interesse medio sui BOT. E mentre succede tutto questo, la categoria "sindacale" che si mobilità per difendersi, più di metalmeccanici, pubblici amministratori, sono i calciatori, che attuano uno sciopero alla prima giornata, e ne minacciano uno ad oltranza. Ho solo detto quanto sia paradossale questa situazione, se poi tu ci vedi del populismo, me ne strafrega alla grande (che poi stupido idiota, calibra le parole in relazione a quello che leggi, il populismo non lo faccio difendendo poi gli stipendi di Marchionne e Montezemolo, almeno in rerlazione a quelli dei calciatori). Spero che il nostro saccente liberale non se la sia presa (che hai poi? una mezza vaccata di laurea presa online per cui ti senti Smith e Friedman messi insieme?)

    RispondiElimina
  5. Ah, sulla "Universalità dei diritti" poi mi dovresti spiegare che c'entra con questa situazione? Qui si sta parlando di una categoria di privilegGiati che, nonostante viva e lavora in questo paese, non accetta di rendersi utile in una situazione di crisi. Il contributo di solidarietà, che a me sembra solo l'ultima cagata del duo Berlusconi-Tremonti, se verrà messo è giusto che lo paghino pure loro, in prima persona. Oppure mi sono perso tra i diritti dell'uomo quello di "evasione fiscale". Ovviamente mi attendo una risposta, se ne hai una. PS: Se però devi venire a sparare qualche altra stronzata filosofico-economica senza entrare nel concreto, stattene dove sei ora. Non ho tempo da perdere con novelli Socrate o gente che si crede l'unto di Regan

    RispondiElimina
  6. il saccente liberale non se l'è di certo presa per le parole di un povero ignorante, tanto più che alla mia università telematica si tengono corsi su come difendersi dagli idioti. quello che hai scritto può sicuramente avere senso per tutti quelli che ne sono sprovvisti. difatti non c'è nulla di assurdo nel fatto che una categoria di LAVORATORI, anche se si tratta di facoltosi analfabeti, cerchi di difendere i propri diritti. come ho infatti appreso da canali in cui vengono diffuse INFORMAZIONI, e non le patetiche "opinioni" di chi si crede un fottuto giornalista e delle quali non frega niente a nessuno, le vertenze per le quali è stato deciso di scioperare sono due: la principale, per la quale era già stato minacciato lo sciopero lo scorso anno, è quella degli allenamenti differenziati, che vengono utilizzati da molti dirigenti sportivi come strumento di ricatto. in pratica quando un presidente vuole liberarsi di un calciatore viene detto: o accetti il trasferimento o vieni schiaffato in seconda squadra. ora, immagina che un giorno a te o tua madre o chiunque abbia un lavoro vero nella tua famiglia, si presenti il proprio capo ti e dica: carissimo idiota, lei da oggi non ci serve più, verrà trasferito a pizzo calabro. dopodichè immagina che dopo un tuo comprensibile rifiuto ti dica: benissimo, allora da domani verrà trasferito all'unità organizzativa "pulizia dei cessi". ecco, questo si chiama mobbing, è un ricatto tramite umiliazione ed è punito dalla legge, per cui non si capisce perchè ci sia gente che trovi assurdo che chi lo riceve si voglia difendere, chiedendo al legislatore di regolamentare questo strumento, se non il fatto che si tratta di perfetti idioti. ritieni forse che i diritti dei lavoratori debbano essere inversamente proporzionali allo stipendio che guadagnano?
    la seconda questione riguarda il cosiddetto contributo di solidarietà, che i politici populisti come te, gli stessi responsabili della tragica situazione in cui versano le finanze pubbliche, vogliono RADDOPPIARE per la categoria in questione. è forse assurdo che i calciatori, i quali non hanno certo creato lo spaventoso debito italiano, nè sono artefici della crsi in atto, che invece sono alla base di un sistema che crea ricchezza, da lavoro a migliaia di persone ed è parte integrante della vita di molta gente mediocre come te, vogliano ribellarsi a questo ingiusto criterio di imposizione fiscale fatto con modalità discriminatorie e non proporzionali? direi di no, tanto più che il loro potere contrattuale è ben saldo a differaenza di molte altre categorie di lavoratori che ormai non ne hanno più, e quindi possono permettersi il lusso di farlo.
    detto questo concludo dicendoti che la cosa che mi fa rosicare del tuo intervento non è tanto la montagna di idiozie che ci sono scritte nè gli errori grammaticali. è il fatto che sei uno dei tanti imbecilli disinformati che non ha niente da dire, che appesantisce la rete di dati senza valore, che rallenta le ricerche delle persone che la utilizzano per cercare e condividere CONOSCENZA e INFORMAZIONI e non patetiche lagne di un opinionista da quattro soldi. morale della favola: prendi coscienza del fatto che sei un coglione, trovati qualcosa di utile da fare nella vita, cambia hobbie, il tutto consolandoti del fatto che al mondo ci sono tanti altri coglioni come te, in particolare me, che ho perso del tempo a risponderti e a spiegarti cose che, sono certo, non sarai in grado di comprendere. ciao e buona fortuna!

    RispondiElimina
  7. E no, qui il disinformato sei tu, se invece di ciarlare ti fosti informato, sai che scoprivi? Che da Dicembre 2010 si va avanti con trattative per il rinnovo contrattuale, e si era già arrivati ad un punto di svolta, infatti lo sciopero non sembrava una ipotesi concreta, almeno fino a quando l'AIC, Associazione Italiana Calciatori per te che sei informatissimo, non si è presentata al tavolo delle trattative con il testo originale senza le modifiche che di comune accordo erano state approntate in mesi di dialoghi. Questo ha fatto infuriare i presidenti dei club, che 18 su 20 hanno detto un secco no al ricatto di questi benestanti privilegGiati.

    Sempre per farti notare quanto sei COGLIONE TU, il contributo di solidarietà, povero idiota, resta al 5 e al 10% per tutti i lavoratori,in base al reddito, ad eccezione dei SOLI politici che si sono raddoppiati l'aliquota per cercare di addolcire la pillola, la storia dell'aliquota doppia è stata una battuta di Calderoli che è in polemica continua con i calciatori, a scopo propagandistico ovviamente, dal ritiro in Sud Africa per i Mondiali, ed è uscita dopo che l'AIC ha comunicato che loro non avrebbero pagato il contributo, che sarebbe andato invece a carico dei club, in quanto secondo loro i loro stipendi sono calcolati in netto e non in lordo, da qui poi la reazione di Galliani che ha detto che se si intestardiscono su questo punto possono scioperare tutto l'anno, i club non sono chiamati a pagare pure per sti privilegGiati di merda.

    Ma ovviamente da un povero sfigato come te certe cose saranno sfuggite, o no?
    (Comunque non ho la presunzione di fare il "giornalista", questo è un blog d'opinione, non do le ansa, ho ben altre aspettative dalla vita che dover imboccare gli imbecilli come te di notizie)

    RispondiElimina
  8. chi cazzo ti ha detto che io non conoscevo queste cose? quale punto del mio discorso te lo fa capire? e tra l'altro queste informazioni che hai spiattellato cambiano la sostanza dei fatti? qual'è la tua aspettativa nella vita, quella di saziare la fame del pubblico sempliciotto di perle populiste e di tanto facili quanto sbagliate considerazioni sulla realtà? che poi tra l'altro il tifoso medio queste banalità è in grado di concepirle anche da solo, senza l'aiuto della tua scadente pagina di merda. se è questo il tuo obbiettivo continua così, sei sulla strada giusta. continua pure a rosicare perchè i calciatori guadagnano in un mese più di quanto tu non farai mai nella tua miserabile vita, senza guardare al di la di un palmo dal naso e cercare di capire PERCHé questi guadagnano così tanto, senza chiederti perchè cazzo continui a ripetere che questi sono dei privileGGiati (chi glieli ha dati questi privilegi, se lo decidono loro lo stipendio come fanno i politici? o c'è chi è disposto a pagare profumatamente le loro prestazioni?). visto che ti piace mettere in mostra le contraddizioni chiediti questo: è più assurdo che i calciatori portino avanti le loro sacrosante controversie sindacali, scegliendo la strategia che ritengono più opportuna, o che in un periodo di crisi, nonostante la riduzione del potere di acquisto delle famiglie, la disoccupazione, il rischio default eccetera ci siano ancora milioni di persone che non riescono a rinunciare ai 30 euro al mese (minimo) della pay per view pur arrivando a stento a fine mese? ora mi hai rotto veramente il cazzo quindi non ti rispondo più, spero solo di non imbattermi più in alcuno dei tuoi rigurgiti di populismo misto a rosume. ciao pirla...

    RispondiElimina
  9. Sei ridicolo, abbiamo appena accertato entrambi che il sindacato dei calciatori ha fatto saltare di proposito il tavolo delle trattative per non pagare il contributo di solidarietà, che i notai dovranno pagare, gli industriali pure, ma Buffon e Totti non vogliono pagare perché non sono italiani a quanto pare. Abbiamo accertato che hanno fatto saltare in aria mesi e mesi di trattative complicate per far vedere che loro lo hanno più lungo di tutti, anche se neanche loro si aspettavano si finisse a dover scioperare veramente. E cambi discorso perché non sai arrampicarti sugli specchi.

    Poi trovami un passo in questo discorso in cui io chieda che vengano pagati di meno, io ho detto che se hanno questo stipendio se lo meritino, considerando che negli anni 90 un Maradona guadagnava quanto oggi guadagna un Mascara, loro sono dei privilegGiati e per questo dovrebbero stare a lamentarsi poco, molto poco. Gli unici lavoratori dipendenti che si avvicinano alle loro cifre sono manager e dirigenti vari, che non ho mai sentito protestare, non so se hanno neanche un contratto nazionale di riferimento o un sindacato, non per questo stanno a piagnucolare miseria dall'alto dei loro milioni.

    Per me guadagnino quanto vogliono, ma non venghino a fare i martiri poi, è ridicolo (e dimmi tu se non lo è) se un C.Ronaldo, pagato di solo stipendio più di 10 milioni annui, più altri 10 di sponsor vari, mi venga a dire che i calciatori sono "schiavi moderni", non metto in dubbio che anche loro fanno qualche sacrificio, ma non è proporzionale allo stipendio che prendono, per cui dovrebbero contenersi almeno.

    Per quanto mi riguarda, io non ho la ppw, se uno può permettersela allora se la paga, ma dubito che se sei disoccupato di fai Sky, ma comunque queste sono scelte privatissime dell'individuo, ognuno è padrone dei suoi soldi e dei suoi debiti.

    Ora, visto che hai deciso di andartene ADDIO COGLIONAZZO. Ti avviso che al prossimo post che scriverai non avrai risposta ma ti verrà cancellato il commento, non ho intenzione di perdere tempo con uno che non sa neanche di quello che parla e che riesce a rispondere solo per insulti

    RispondiElimina
  10. qusto tuo ultimo commento mostra chiaramente che stai ROSICANDO e che ti piace sfogare il tuo rosume insultando chi guadagna più di te. non ho mai cambiato argomento, forse sei talmente stupido che non riesci neanche ad affrontare un semplice esercizio di comprensione del testo. ho sempre detto dall'inizio che il tuo post è un inutile rigurgito di populismo e se vuoi continuerò a ripetertelo. il motivo è che stai denigrando una categoria che si sta giocando un potere che di fatto ha, che si chiama POTERE CONTRATTUALE, che gli permette di poter cotrattare alti stipendi, di giocarsi la possibilità di non pagare tasse ingiuste e di chiedere il riconoscimento dei loro sacrosanti diritti e guarda un po' anche di disertare il tavolo delle trattative quando cazzo vogliono, indipendentemente dal fatto che questo faccia rosicare qualche imbecille o meno.

    continui a ripetere ottusamente che questi sono dei privilegiati, senza capire che il loro stipendio lo fa un'entità che sta al di sopra di tutto che si chiama MERCATO, (non se lo stabilisono da soli come fanno i politici i quali si, per qusto motivo, sono dei privilegiati) ed è notevlmente elevato perchè sul mercato c'è una grande DOMANDA di calciospettacolo e una ridotta OFFERTA di tale servizio (pochissime persone al mondo che sanno giocare come cristiano ronaldo o totti o buffon o qualsiasi altro talentuoso analfabeta). essi sono sottoposti allo stesso meccanismo che decide il valore di notai, manager, operai e chiunque altro abbia delle prestazioni da offrire. non sono privilegiati perchè guadagnano più di quanto guadagnava maradona, semplicemente a quei tempi non c'erano i mezzi tecnologici per poter scucire soldi a chi volesse assistere alle sue prodezze (se ci fosse stata la pay per view all'epoca, ti assicuro che il suo stipendio attualizzato sarebbe stato almeno il doppio di quello di cristiano ronaldo)

    non è un loro dovere nè civico nè morale dover pagare per i danni causati da altri (politici e manager), se si sentono o meno italiani SONO CAZZI LORO. se questo ti sembra inconcepibile, o semplicemente vuoi criticare la strategia con la quale stanno portando avanti la vertenza e vuoi continuare a fare del populismo denigratorio anche quello è un tuo sacrosanto diritto. semplicemente è anche un mio diritto dirti che potresti anche risparmiartelo, visto che già la rete, ma anche i bar, i pub, i mezzi pubblici, gli spogliatoi e tutti gli altri punti di ritrovo popolare ne sono già stracolmi, e non si sente proprio il bisogno di conoscere gli accostamenti, assolutamente scontati, di un opinionista da 4 soldi.

    quindi lascia perdere, vai a studiare, dotati degli strumenti per comprendere la realtà che ti circonda prima di dire cosa è assurdo e cosa è assolutamente normale.

    ora cancella pure il commento, non l'ho scritto per farlo leggere a quei quattro gatti che seguono il tuo blog, nè per denigrarti o insultarti, ma solo come sfogo personale per il fatto che sei il milionesimo coglione che incontro che si crede un cazzo di maestro di vita, dispensatore di verità, quando non è neanche in grado di interpretare i fatti di cronaca perchè assolutamente privo di strumenti per farlo. e no ho veramente le palle piene di quelli come te.

    RispondiElimina
  11. Verrà eliminato ogni commento ulteriore a questo articolo da ora in poi, se non ti piace, cambiate blog. Non sprecherò ancora tempo a rispondere, ne tanto meno ti concederò il diritto di avere l'ultima parola.

    RispondiElimina
  12. ahahaha che rosicone di merda!!! da una parte sono contento perchè stai praticamente ammettendo di non avere un cazzo da dire, ne la capacità di sostenere le tue ridicole argomentazioni con il tuo italiano scadente. sono anche preoccupato perchè ho visto che studi ingegneria e probabilmente (ma credo che non ce la farai mai) diventerai un professionista di basso livello oltre che un mediocre scrittore, sempre che tu sia in grado di portare avanti una laurea come quella, la quale richiede una certa capacità di collegamento e una felssibilità mentale che di certo tu non hai.

    RispondiElimina
  13. Il seguente rosicone decide di tagliare tutti i tuoi commenti inutili solo perché sto per l'appunto studiando per diventare un ingegnere, e di perdere tempo a filosofeggiare con l'ultimo "Anonimo" della rete non ne ho voglia. Se poi per giunta questo Anonimo non riesce a sostenere la sua tesi senza finire nell'insulto, io proprio non voglio perdere tempo. Alla luce dei commenti arrivati chiunque può vedere la sostanziale differenza fra me e te, io ho espresso una mia opinione, tu invece stai "gridando" la tua senza una motivazione precisa. Ho detto che lo sciopero per il contributo di solidarietà è stata la cosa peggiore che chi vive nel lusso potesse fare, anche alla luce del fatto che sono l'unica categoria che in Italia sta scioperando per questo. Ne Notai, ne Medici ne Manager stanno alzando la voce, avendo capito la natura dell'intervento, ovvio che le proteste ci sono, ma nessuno ha fatto tanto chiasso come i calciatori, neanche tra gli altri sportivi. Sull'articolo 4 e gli allenamenti differenziati, i signori dell'AIC e i presidenti dei club erano giunti ad un accordo, ma fare saltare il banco delle trattative solo per una questione di soldi avrebbe messo in cattiva luce i calciatori, così hanno mandato al diavolo mesi di lavoro per nascondere il reale motivo della protesta. Non si chiama potere contrattuale questo, ma assenza di spirito civico e nazionale, data la natura del prelievo straordinario. Con questo. CHIUDO. Addio

    RispondiElimina
  14. si è vero te sei stato molto cordiale e io sono uno stronzo per averti insultato... ti chiedo scusa. in fondo sarebbe bello se le azioni delle persone fossero mosse dai principi che esistono solo nella tua ingenua visione della vita o nelle argomentazioni di chi voglia scucirti dei soldi. da una parte spero che rimarrai così, ma sono sicuro che un domani, quando ti sarai accorto dei meccanismi che regolano il mondo reale, e tu occuperai una parte in quel mondo, magari da affermato professionista, ti roderà il culo da morire se il governo, per ovviare ai propri errori (chiamamiamoli così), deciderà di rubarti i soldi che ti sei messo da parte con fatica, anche se solo per comprarti una barca o la villa al mare, e farai di tutto per non darglierli. anche perchè magari, pur di rimanere in italia, avrai rifiutato qualche offerta di lavoro in germania o in tutti quei posti paradisiaci in cui i politici sanno amministrare la cosa pubblica e non hanno bisogno di metterti le mani in tasca più del dovuto, e avresti guadagnato molto di più. questo si chiama COSTO OPPORTUNITà, e non ha niente a che vedere col senso civico e nazionale. è lo stesso motivo per cui il nostro paese non attrae più: perchè tutto funziona male e costa di più che altrove. di questo passo oltre alle imprese, ai ricercatori, ai liberi professionisti, se ne andranno affanculo anche i calciatori lasciando vuoto tutto il baraccone del calcio e a secco tutti quelli che ci campano dentro. vabbè ti lascio scoprirlo da solo. addio e in bocca al lupo con gli studi :)

    RispondiElimina
  15. Usano gli stadi dei nostri comuni per giocare, ci arrivano su strade fatte con i nostri soldi, e se gli si chiede di dare un contributo straordinario per evitare di dover vendere quelle strade, quegli stadi, e non solo, a privati per evitare la bancarotta, scioperano. Non sto dicendo di essere d'accordo con questo contributo, che guarda caso va ad attaccare chi le tasse le paga già, ma non posso neanche accettare che siano proprio loro a doversi lamentare. Ok, se vengono pagati tanto vuol dire che qualcuno gli da quei soldi, che il mercato funziona così ecc, ma come stanno avendo la decenza pure i grandi industriali di tacere in questo momento, dato che c'è chi sta facendo molti più sacrifici, da coloro che verranno licenziati grazie alle nuove norme governative, a coloro che si sono visti levare la cattedra magari dopo 10 anni di precariato nella speranza di insegnare, e pure per noi studenti, nella mia facoltà hanno chiuso 4 corsi di ingegneria, tra cui il mio, in pratica non abbiamo più la possibilità di seguire tutte le materie, ci hanno aumentato le tasse di una grossa percentuale, e ridotto le aule a disposizione, per cui siamo 300 in aule da 100 posti. Tutti sacrifici, fatti controvoglia e per i danni di quegli incapaci che da 20 anni ci governano, soprattutto gli attuali, che però stiamo subendo, e stiamo sopportando. Se loro per un anno o due fanno dei sacrifici come i comuni mortali non muore nessuno

    RispondiElimina
  16. per la cronaca, diversamente da quanto affermi, questa tassa non va giù a nessuno, di proteste ce ne sono state numerose, da parte di quasi tutti quelli che avrebbero dovuto pagarla (manager inclusi). uno dei pochi ad aver affermato che pagare la tassa è giusto è stato montezemolo, ma lo ha fatto semplicemente per un puro fine politico. è notorio come siano anni che sta sondando e spianandosi il terreno per una sua "discesa in campo". poi che i "giornalisti" abbiano deciso di dare più risalto alle proteste dei calciatori questo è un altro paio di maniche, non significa affatto che sono gli unici che si sono ribellati. il motivo è che appunto molti "giornalisti" (a dire il vero quasi tutti) perseguono la strada del populismo per fare ascolti, vendere copie facili e far ciarlare gli ignoranti, dal momento che da tempo il popolo ha deciso che è vergognoso che i calciatori guadagnino così tanto. tu sei uno di quelli, anche se lo fai a titolo gratuito (il che è ancora peggio, perchè ci credi veramente e lo fai senza pensarci su). a sostegno di questa mia argomentazione basti guardare la notizia fresca fresca che la tassa di solidarietà VERRà RITIRATA. e questo per le proteste dei calciatori? non credo proprio! forse per le proteste silenziose passate inosservate delle ricche e potenti lobbies italiane? molto più probabile! fatto sta che la manovra toccherà pagarla come al solito a noi poveracci con una magnifica tassa sui consumi (ebbenesì, aumenterà l'IVA!!!) che deprimerà ancora di più l'economia. per il vero problema, che è quello della regolamentazione dei mercati finanziari non è stato fatto un cazzo (basterebbe una Tobin Tax per risolvere il problema della eccessiva volatilità dei mercati e per rimpinzare le casse dello stato). quindi non so se ti rendi conto ma con il tuo articolo hai contribuito (spero involontariamente) a perpetuare un luogo comune e a far distogliere l'attenzione dai veri problemi, additando un antipatico ma innocuo nemico del popolo, invece che andare al di là del populismo e mostrare alla gente quali siano i nemici veri e pericolosi. :)

    RispondiElimina