Piazza Juve

sabato 30 luglio 2011

Ancora Aquilani alla Juve. Si riaccendono le trattative, segnale che il 4-2-4 potrebbe essere già stato accantonato?

Quando il direttore di SportItalia e del sito web TuttoMercatoWeb, Criscitiello, ha detto che la società bianconera, dopo l'acquisto di Vucinic (di cui potete leggere qui, in Vucinic prossimo alla firma), starebbe pensando ad un nuovo "Mister X" e che quest'uomo in particolare sarebbe Alberto Aquilani, personalmente sono andato nello sconforto. Giocatore "molle" non adatto a sostenere il peso di un centrocampo a due e della regia di una squadra di livello, e sopratutto mai esploso a buoni livelli.

Ma, nella ora speranza sia tutto vero, mi sono subito posto il problema, ma è possibile che Conte e Marotta, che suppongo stiano a pensarci un po' più di me su cose che riguardano la LORO carriera calcistica, non abbiano fatto caso alla inconsistenza di un Aquilani nel 4-2-4 di Conte? E se invece anche Conte avesse chiesto Aquilani perché i tempi del 4-2-4 fossero finiti?

Le recenti amichevoli hanno messo in mostra più di qualche semplice problema, anche contro club americani di non primissimo livello non siamo mai riusciti a tenere il pallino del gioco, e neppure a creare occasioni interessanti di goal. In compenso il modulo offensivo ci ha scoperti non poco, sopratutto quando con Pirlo in campo avevamo in copertura un uomo in meno.

E se Antonio Conte avesse capito che con l'arrivo di Vucinic e Vidal, un modulo come il 4-3-3 è molto più indicato del 4-2-4 suicida di questa prima parte di stagione? In questo caso l'arrivo di Alberto Aquilani sarebbe molto ben accetto, anzi, perfetto. Il giocatore avrebbe la possibilità di giocare da esterno nel centrocampo a tre, o come supplente di Pirlo, è in un modulo del genere potrebbe rendere molto più di quanto fatto nel 4-4-2 di Delneri.



Ipotizziamo una formazione tipo come questa

Buffon
Lichsteiner Bonucci/Lugano Chiellini Ziegler
Vidal Pirlo/Pazienza Marchisio
/Aquilani
Quagliarella Matri Vucinic


La squadra scenderebbe in campo con un 4-3-3 che all'evenienza potrebbe diventare un 4-2-3-1 se con Aquilani in campo al posto di Pirlo si decidesse di farlo avanzare in linea con Vucinic-Quagliarella e di spostare come prima punta unica Matri in avanti. Avremmo un modulo nettamente più equilibrato, la gestione del pallone sarebbe compito primario di Pirlo o Aquilani, se il romano viene usato come regista e non come mezz'ala, con il duo Vidal - Marchisio (con Pazienza prima riserva) a difendere il pallone anche per il regista. In particolare Vidal e Marchisio possono essere considerati una spanna sopra i vari Melo e Sissoko, non solo grinta, ma anche capacità tecniche non indifferenti, e ottimo fiuto del goal. I terzini si ritroverebbero ad avere compiti difensivi meno gravosi per la presenza dei due mediani a centrocampo (cosa che influirebbe non poco anche sulla capacità di difendere dei centrali difensivi) e potrebbero dedicarsi al cross e alla fase offensiva, fase che riescono entrambi a fare meglio di quella difensiva.
I tre in attacco poi sarebbero "intercambiabili" per posizione, e soprattutto con Krasic, Del Piero, Martinez come prime riserve, come prime lussuosissime riserve.

Senza voler esagerare, una formazione del genere avrebbe tutte le qualità per competere ad alti livelli in Italia, e con la giusta dose di qualità di base per poter migliorare il team, in ottica europea, per la prossima stagione. Se Conte accettasse l'evidenza e si affidasse al 4-3-3, i tempi del pessimismo cieco potrebbero (forse) essere messi alle spalle


Nessun commento:

Posta un commento