Piazza Juve

mercoledì 22 giugno 2011

Juventus 2011-2012: Ecco la squadra che scenderà in campo per tornare a vincere

Conte chiede una squadra grintosa, che non si arrende mai, che suda per 90' in campo e che sappia portare sul petto i colori bianconeri con orgoglio e responsabilità. Per quella che possiamo definire la grande decaduta del calcio italiano forse Antonio è l'allenatore migliore, giovane e con un passato glorioso nella stessa squadra, grintoso e consciò del suo pesante incarico. Bisognerà dargli tempo, ma non solo, bisognerà dargli anche una squadra costruita sulle sue esigenze. Convinti che se Conte dovesse riuscire a mantenere le redini della squadra e a gestire il gruppo in maniera ottima, difficilmente in futuro sarà prevedibile un divorzio tra allenatore e società, con la possibilità di vedere il Capitano diventare il "Ferguson" bianconero.

Per dargli la possibilità di lavorare al meglio però bisogna fornirgli la miglior rosa possibile, la più adatta alle sue esigenze, con il giusto mix di giocatori d'esperienza e giovani, di qualità e quantità, di top player e "soldatini". La società si appresta giovedì ad approvare, nel cda, un aumento di capitale da circa 100 milioni di euro, buona parte, almeno 30, saranno destinati al calciomercato di questa estate, a cui si aggiungeranno i circa 15 già in mano alla dirigenza, e gli oltre 40-50 derivabili dalle ben 13 cessioni (leggi: 13 giocatori in esubero valgono 2 top player).




Il primo obbiettivo in assoluto del mercato bianconero è Sergio Aguero, lo abbiamo ripetuto infinite volte, ma per il giocatore sarebbero pronti 35 milioni di euro in contanti per portarlo in squadra già domani. A sorpresa spuntano due possibili nomi, capaci di far diminuire l'esborso di almeno 7 milioni, il primo è quello del giocatore Falquè, giovane preso ai tempi di Secco per essere poi spedito in prestito in giro per le squadre d'Europa. Al Villareal B ha fatto molto bene, e il suo cartellino si aggira intorno ai 3.5 milioni, interessa anche al Siviglia oltre che al Villareal. Anche Storari ha molto mercato in Spagna, per lui uguale valutazione, e insieme al giovane Falquè, potrebbero far scendere l'esborso intorno ai 28 milioni di euro.

Non solo Aguero, in Spagna si segue in maniera ravvicinata le vicende di Diarra e Higuain, l'assalto al Real Madrid avverrà solo se le cessioni di Melo e Sissoko verranno portate a termine, e se Aguero dovesse sfumare. Principalmente si pensa a Diarra per chiudere il reparto centrali di centro campo e dare a Pirlo il parrtner di gioco ideale per la prossima stagione.

Con la Roma si lavora per portare Vucinic in bianconero, per 18 milioni il giocatore potrebbe raggiungere i colori bianconeri, ma per trovare quei soldi bisogna vendere Iaquinta e Amauri, il primo interessa all'Udinese per il ritorno in Champion's League, lo si potrebbe cedere per scontare il cartellino di Pepe, per Amauri si aprono invece le porte del Milan, per 8 milioni il giocatore raggiungerebbe Ibrahimovic per diventarne la prima alternativa. I restanti 10 milioni sarebbero quasi automaticamente trovati dai risparmi sugli ingaggi, molti pesanti ingaggi verranno mandati via, per essere sostituiti da stipendi dimezzati, che permetteranno alle casse bianconere di rifiatare e di lavorare meglio sul mercato.

Si lavora ancora per Bastos, se la cessione di Martinez dovesse essere cosa fatta (8 milioni), allora Bastos, valutato ormai 13 milioni, sarebbe ad un passo. Per lui un ruolo di centrocampista esterno, e alter-ego sull'altra fascia di Krasic.

In difesa Lichsteiner è praticamente bianconero, per lui 10 milioni che la società ricaverà dalle cessioni di Grosso, Grygera e Motta innanzitutto, ma anche la cessione di Storari (se non inserito in nessuna contropartita) aiuterà la causa. Si pensa a Beck come suo vice, costa 5 milioni, e la società sta contando gli spiccioli.

Ancora in difesa si lavora per un grande acquisto, Rolando del Porto, la Juventus dovrebbe sborsarne 15 milioni, improbabile che se tutti gli acquisti precedenti vengano compiuti, si trovino i soldi per il giocatore, ma se le giuste cessioni venisserò fatte, allora niente sarebbe impossibili.

Ricapitolando la Juventus 2011-2012 potrebbe avere una rosa così formata:
ATTACCANTI: Del Piero, Quagliarella, Matri, Aguero e VucinicESTERNI DI CENTROCAMPO: Krasic, Pepe, Bastos e uno tra Quagliarella e Vucinic ad alternare
CENTRALI DI CENTROCAMPO: Marchisio, Pirlo, Pazienza, Diarra (o Melo)
TERZINI: Ziegler, Lichsteiner, De Ceglie e Beck (o Motta)
CENTRALI DI DIFESA: Chiellini, Bonucci, Barzagli, SorensenPORTIERI: Buffon, Manninger

Una rosa, che se gestita nel giusto modo, e se non torturata dagli infortuni, potrebbe benissimo rappresentare una delle protagoniste della prossima stagione, con un attacco che avrebbe pochi rivali, e centrocampo e difesa tra i migliori d'Italia.


1 commento:

  1. Buffon
    Lichsteiner Bonucci Chiellini Ziegler
    Marchisio Pirlo Pazienza
    Krasic Aguero Quagliarella

    RispondiElimina