Piazza Juve

giovedì 10 febbraio 2011

Nuovo allenatore? Tra Spalletti, Mazzari e Lippi, con l'ipotesi Conte (e un imprevisto Mourinho)

Se la stagione in corso dovesse finire come la precedente, a "zeru tituli" e senza la qualificazione Champions League, nonostante le colpe di Delneri non siano tali da aver pregiudicato la stagione, e nonostante la stessa società lo difenda, consapevole che ciò è vero, la dirigenza potrebbe scegliere il cambio di panchina.
Dopo Deschamps, Ranieri, Ferrara e Zaccheroni, un altro allenatore potrebbe così chiudere prima del dovuto il suo mandato in bianconero. Su Luigi Delneri in particolare pesa il nome di tre allenatori pronti ad essere contattati il prima possibile da Agnelli in persona per portarli in bianconero.



Il nome più semplice è quello di Marcello Lippi, uno degli allenatori più vincenti della nostra già la stagione scorsa pronto al grande ritorno, prima del disastro Sud Africa.
Ora per lui potrebbero riaprirsi le porte della società, affidandoli il ruolo di ricompattare e ricostruire la squadra secondo gli stessi dettami del 4-4-2 di Delneri, ma associandogli la mentalità da leoni che ha sempre contraddistinto le sue passate Juventus.

Non solo Lippi, ma anche Spalletti. Forse l'ipotesi più affascinanti per i tifosi bianconeri, l'allenatore con la Roma si è più volte avvicinato al "miracolo" scudetto, vincendo però soltanto qualche coppa Italia e diverse volte il titolo di allenatore migliore. Il suo calcio con la squadra capitolina faceva invidia a molti club più blasonati dell'estero, la sua capacità di sfruttare alla perfezione i giocatori in forza e di fargli rendere senza forzargli su moduli standard, poi lo ha reso in poco tempo al centro delle attenzioni di diversi club.
Adesso il suo esilio in Russia, dove ha appena conquistato lo scudetto, potrebbe concludersi con un ritorno in Italia.

Sempre tra i papabili c'è Walter Mazzari, il suo Napoli sta entusiasmando tutti, trascinato da un enorme Cavani e dalla ritrovata forza di Lavezzi e Hamsik su tutti, ma le attenzioni delle big, oltre che per i già citati giocatori, si rivolgono anche a lui. Il cammino dei partenopei oltre che brillante sembra quasi utopistico, considerando che le precedenti gestioni Reja e Donadoni non erano comunque arrivati su livelli simili.
Il suo arrivo in bianconero però sembra difficile, De Laurentis mai si priverebbe di lui dopo il lavoro svolto ultimamente, ne la Juventus forse troverebbe in lui quell'allenatore ideale per i giocatori in rosa, a partire da quel Fabio Quagliarella esiliato da Napoli proprio per divergenze tecniche con l'allenatore (oltre che societarie).

Il nome che farebbe felice la tifoseria per il suo passato, ma su cui si starebbe invece lavorando per un futuro prossimo, sarebbe quello di Antonio Conte, il capitano tornerebbe alla base per allenare la Juventus sotto i dettami del suo 4-4-2 già sperimentato con grossi successi nelle serie minori, e che avrebbe spinto (Secondo molti) la dirigenza a scegliere Delneri come traghettatore per le prossime due stagioni, incaricato di ricreare un gruppo solido e con buone basi, e nel frattempo dare il giusto tempo a Conte di accrescere il suo livello di esperienza.

Il nome che invece sorprende, improbabile, se non impossibile, ma fortemente spinto dai bookmakers inglesi (non si assume nessuna colpa, perciò, sul nome che si sta per fare) è quella del "nemico" Josè Mourinho, l'uomo che ha portato gli interisti sul tetto d'Europa, accreditato come possibile nuovo allenatore bianconero. In rottura con il club madrileno potrebbe ritornare in Italia, ma non all'Inter, bensì nella squadra che ha combattuto più di tutte, sul campo e sul piano della dialettica, nel suo biennio italiano.
C'è da chiedersi sul perché gli inglesi stiano a scommettere cifre su ciò, considerando che difficilmente la società darebbe a Mourinho i soldi che pretende come stipendio, e i giocatori che vuole.
Certo, è vero che precedenti degni di nota in tal senso non ne mancano, ricordarsi dei signori Trapattoni e Lippi, entrambi prima bianconeri e dopo nerazzuri, forse sta per succedere il contrario?


Nessun commento:

Posta un commento