Piazza Juve

martedì 8 febbraio 2011

Juventus vs Inter: E' sfida a 360. Mercato, Nazionale, Processi e Campionato

Tra Juventus e Inter la sfida non è solo sul campo, dove si sconteranno nella prossima giornata per certificare se l'Inter può ambire allo scudetto e se la Juve è uscita veramente dalla crisi, ma anche sul mercato dei calciatori e adesso pure in nazionale.

Si comincia con il campo, il calcio giocato, la sfida prossima sarà all'insegna della guerra calcistica, l'Inter vanta ancora ambizioni scudetto, e vincere contro la Juve fa sempre piacere ai tifosi della seconda squadra di Milano. La Juventus si vuole dichiarare fuori dalla crisi, ed entrare nella lotta per il posto in Champions League, già una volta in questa stagione è arrivata allo scontro diretto considerata come sfavorita, e allora fu pareggio, con più paura per loro che per noi. E comunque battere i nerazzuri fa sempre molto piacere a noi tifosi bianconeri. Ma non si ferma qui la rivalità tra Juve e Inter...




Le due squadre infatti sono soprattutto nell'ultimo periodo avversarie nel calciomercato come non mai, si comincia questa estate quando la Juve deve scontrarsi con la volontà di Moratti di avere Krasic con se, ma alla fine vinciamo noi, si continua a Gennaio, quando Pazzini ci viene "strappato" dopo che si attendeva solo Giugno per poterlo tesserare in bianconero. Poi inizia la lotta per Nagatomo, anche lui nerazzuro, causa insufficienza di denaro da parte del club bianconero. Adesso però entrambe puntano Sanchez dell'Udinese, entrambe puntano Montolivo della Fiorentina, ed entrambe starebbero virando sul brasiliano Neymar.

Ma si arriva adesso anche ad uno scontro "nuovo" tra le due squadre, l'Inter ha finalmente capito di stare a giocarsi il campionato italiano, e che in Italia di giocatori di calcio non ne mancano.
E così, dopo essersi liquidata in passato giocatori come Bonucci (grazie!), adesso è ritornata sul mercato per acciuffare due italiani di un certo livello, Pazzini, soffiandocelo a noi, come detto prima, e Ranocchia.
Adesso la sfida sembra così essersi spostata anche nella nazionale, dove i giocatori delle due squadre si contendono anche i posti da titolare in azzurro. Chiellini infatti con la concorrenza di Ranocchia potrebbe non diventare più intoccabile, anche se Prandelli sembra aver deciso di usarlo a sinistra come terzino.
In attacco la concorrenza invece è tra Pazzini e Matri, se il primo sembra essere sempre più uomo-goal in campionato, in nazionale diverse volte ha deluso, e allora spunta Matri, un po' troppo poco considerato fin ora, ma con la maglia della Juventus la doppietta della scorsa giornata è valsa doppio.

Se si lascia il calcio e si va nei tribunali, tutto peggiora. La guerra su calciopoli continua, la Juve vuole lo scudetto del 2006, e porta a prova sua le intercettazioni di Facchetti con designatori arbitrali e arbitri stessi. Moratti minimizza, parla di cordialità nei rapporti con la classe arbitrale e basta, ma salta la parte dove si fa notare come i nerazzuri fossero costantemente informati sulle designazioni arbitrali giorni prima dei comunicati ufficiali (prima di Moggi addirittura), e delle chiamate in cui il deceduto Facchetti cerca di convincere i dirigenti della classe arbitrale a scegliere determinati arbitri rispetto ad altri.

Juventus vs Inter è una sfida continua, mai come ora questa sfida diventa accesa, l'Inter arriva da un quinquennio d'oro, la Juve da un quinquennio da incubo, dove la escalation di titoli nerazzura è coincisa con il crollo (causa calciopoli) della Juve, adesso pronta a riprendersi il giusto posto in Italia, proprio ai danni dei milanesi.


Nessun commento:

Posta un commento